Bharata Natyam

Origini e simbolismo:

Il Bharata Natyam è una delle più antiche e complesse forme di teatro danza sorta più di 2500 anni fa in India, nell’odierno stato meridionale del Tamil Nadu.

In origine veniva eseguito esclusivamente dalla casta delle devadasi (letteralmente dal sanscrito, ‘ancelle di dio‘), all’interno del precinto sacro del tempio come parte integrante del servizio rituale dedicato alla divinità. Le danzatrici sacre venivano considerate manifestazioni terrene delle ninfe celesti, le Apsaras, nonché consorti della divinità, alla quale venivano consacrate attraverso la celebrazione di un matrimonio simbolico.
Onorata come nityasumangali, ‘colei che porta il buon auspicio’, la devadasi e la sua arte venivano contemplate come un mezzo attraverso cui assaporare e celebrare l’unione con il divino.

Tecnica:

Il Bharata Natyam include due aspetti principali:

Abhinaya è l’arte drammatica di descrivere un episodio, solitamente tratto dalla vasta tradizione mitologica dell’induismo, utilizzando la mimica del volto, la gestualità delle mani (mudras), l’esplorazione delle emozioni (rasa).
Uno degli aspetti più distintivi e stupefacenti del Bharata Natyam risiede nella capacità del danzatore di ritrarre ed impersonare i diversi caratteri presenti all’interno di una coreografia. Egli diventa quindi dio, devoto, narratore, animale, demone fluttuando costantemente dall’uno all’altro lungo l’intero svolgersi del racconto.

Nritta è la combinazione di tutti i movimenti codificati definiti anche danza pura, dettati da meticolosi schemi geometrici ed eseguiti in diverse velocità ritmiche.

Il repertorio tradizionale alterna coreografie di danza pura come il Jatiswaram e composizioni assai più intense ed espressive il cui culmine viene senz’altro raggiunto nel Varnam, dove ritmi sempre più complessi si combinano magistralmente con lo snodarsi del racconto, incentrato solitamente sulla sofferenza di una giovane fanciulla separata dall’amato, affascinante metafora da secoli esplorata al fine di descrivere e risvegliare il desiderio dell’anima di ricongiungersi al divino.

Sebbene al giorno d’oggi questa forma d’arte sia definitivamente passata dal tempio ai palcoscenici di tutto il mondo, il contenuto e lo scopo finale del Bharata Natyam permangono e richiedono passione e costante dedizione.

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s