An offering

tumblr_n9oz7eev3g1toyuu6o1_500

“Bharatanatyam is grounded in bhakthi. In fact bhakthi is at the center of all arts of India. Our music and dance are two offerings to God…This experience may only occur once in a while but when it does for that little duration, its grandeur enters the soul not transiently but with a sense of eternity. As one gets involved in the art, with greater and greater dedication, one can continuously experience throughout the few hours of the dance, the unending joy, this complete well-being, especially when music and dance mingle indistinguishably.”

– from ‘Balasaraswati: Her Art and Life’, Douglas M. Knight – Wesleyan University Press

Bologna, STAGE DI BHĀRATA NĀṬYAM con HARU KUGO

10003897_10205443309710349_8585998152669907348_n

1° STAGE DI BHĀRATA NĀṬYAM con HARU KUGO

In collaborazione con Associazione Jaya

http://associazionejaya.it/
••••••••••••••••••••••••••••••••••••••••••••

Sabato 6 e Domenica 7 dicembre 2014
Centro Sharazàd
Via Mascarella 12 – Bologna

Programma:
• Sabato 6 dicembre
ore 14-16 livello beginners e intermedi
ore 16-17 livello intermedi (coreografia)
• Domenica 7 dicembre
ore 9-11 livello beginners e intermedi
ore 11-13 livello intermedi (coreografia)

È possibile frequentare anche un solo giorno concordandolo precedentemente.
Il costo per la sola giornata di Sabato per livello principianti è di 30€, livello intermedi 40€.
Il costo per la sola giornata di Domenica per livello principianti è di 30€, livello intermedi 50€.

Info e iscrizioni:
namaste@associazionejaya.it
+39 339 826 8620

I posti sono limitati.
LE ISCRIZIONI SONO APERTE FINO A
LUNEDÌ 1° DICEMBRE.
L’iscrizione viene considerata effettiva dietro versamento dell’acconto di 30€.

••••••••••••••••••••••••••••••••••••••••••••

foto credit: Barbara Ledda

http://www.barbaraledda.it/

Roma, ‘Rasāsvāda’ emozione estetica Spettacolo di danza classica indiana

10525789_10203370807846344_1305236371011545300_n

Associazione Culturale Etnochoreia
presenta
“Rasāsvāda” emozione estetica
Spettacolo di danza classica indiana bharata natyam e odissi
Con Haru Kugo, Silvia Vona, Roberta Parravano

La danza classica tradizionale, in India, affonda le sue radici nei rituali dei templi tra devozione e narrazione danzata.
Rasāsvāda significa apprezzamento, percezione del piacere, in filosofia indiana si riferisce al gusto di beatitudine, è la coscienza estetica.
In questo spettacolo si incontrano due stili differenti di danza, il Baharatanatyam della regione del Tamil Nadu e l’Odissi della regione dell’Orissa.

Ingresso 5 euro
parte dell’incasso devoluto in beneficenza a Isla Ng Bata L’Isola dei Bambini Onlus per il centro diurno di Gurgaon in India

info e prenotazioni etnochoreia@gmail.com

http://www.islangbata.it/

Roma, ‘Darshan’ Spettacolo di Teatro Danza Bharatanatyam

1959925_10203155526384442_2548663767405575880_n

 

Con il termine Sanskrito ‘Darshan’ si fa riferimento ad un aspetto fondamentale del pensiero devozionale e filosofico dell’induismo, in parte riconducibile al concetto di teofania – dove cioè il divino si manifesta – arricchito e completato dalla duplice esperienza del ‘vedere’ e del ‘essere visto’ da parte della divinità.

Il percorso stesso all’interno del tempio si sviluppa in maniera tale che si giunga per gradi al cospetto della divinità in modo da poter assaporare pienamente il momento in cui, nella penombra immobile e sospesa del sancta sanctorum, il sacello più interno e sacro, ci si trova dinnanzi alla murti, l’immagine del dio.

 Attraverso lo sguardo del devoto, del mistico, del poeta si instaura quindi uno scambio intimo e profondo tra colui che guarda e ciò che si contempla, il ‘vedere’ diviene atto di reverenza, di devozione, di amore incondizionato che innalza la coscienza ad un livello superiore di immensa gioia e consapevolezza.

 Si è scelto il termine ‘Darshan’ proprio perché ‘il vedere’, ovvero la visione sacra che eleva e sublima la coscienza del singolo, è l’esperienza da cui scaturisce la necessità di condividere e rendere partecipe l’altro del manifestarsi del divino.

Darshan è ciò che spinge il poeta a comporre versi, l’artista a sublimare la realtá, il danzatore a danzare.